CONOSCIMI MEGLIO

LA MIA STORIA

Cilentano d’origine e salernitano d’adozione.
A Magliano Vetere trovano le mie radici, un suggestivo paesino di circa seicento abitanti al quale torno ogni volta per ritrovare nuova forza e vigore.

Da qui, dai banchi di scuola, dove affiora per la prima volta l’innata attitudine rappresentativa, a Salerno per studiare Giurisprudenza. Chi mi conosce lo sa, i miei pensieri camminano più veloci delle parole e nascono da una irrefrenabile passione civile e politica che non conosce stanchezza.

Il popolarismo sturziano è stata la mia bussola durante gli anni della mia formazione politica e culturale. Per questo ho fondato l’Associazione Universitaria Popolare Don Luigi Sturzo, grazie alla quale ho accompagnato la crescita di tanti giovani di talento.

Dalla Democrazia Cristiana, al Partito Popolare, alla Margherita ricoprendo diversi ruoli di partito ed inseguendo sempre un sogno: la democrazia delle opportunità, che mette al centro la dimensione umana e che vuol dire conciliare la crescita economica e l’affermazione del singolo con il progresso sociale, inteso come un processo inclusivo e aperto.

Ispirandomi a questo valore, lavoro all’Università degli Studi di Salerno, un contesto dinamico e stimolante che ha sempre messo in moto i miei pensieri e da cui sono scaturite esperienze innovative che nel “fare rete” per promuovere il Sud hanno trovato la loro forza.

La Borsa della Ricerca prima, Sud oltre Expo dopo, fino a Super Sud: il risultato più pieno di una visione che guarda lontano. L’obiettivo è lavorare per promuovere l’incontro tra domanda e offerta, mettere al centro il lavoro e la formazione, intese quali chiavi di volta dello sviluppo del Mezzogiorno.

E ho materializzato tutto questo in un evento, un successo che continua ad emozionarmi: la Borsa della Formazione e del Lavoro, giunta quest’anno alla sua seconda edizione.

Gli ultimi cinque anni di impegno costante nella segreteria dell’Assessore alla Formazione e Pari Opportunità della Regione Campania mi hanno dato il senso compiuto della politica come strumento privilegiato per dare corpo alle idee che, correndo sempre più veloci, sono diventate proposte che a qualcuno potranno apparire, talvolta, visioni impossibili da concretizzarsi.

Io voglio realizzarle, e voglio farlo attraverso la più alta forma di carità possibile: la politica.